Navili Grand Il Naviglio Grande

La tecnica utilizzata è quella dell’infrarosso, che data la sua lunga esposizione concede al vento, all’acqua e alla luce di disegnare in una maniera molto particolare e diversa la fotografia, donandole un sapore antico, romantico e suggestivo.

Completion Date:
2014
Credits:
©Federico Ambrogio Rosa. All rights reserved.

Il Naviglio Grande: vedute di un passato presente nella provincia di Milano

Una serie di fotografie in bianco e nero di alcuni degli abitati attraversati dal Naviglio Grande in cui il tempo si è fermato, dove l’evolversi dell’industria ne ha lambito e talvolta modificato il corso con le sue centrali elettriche e industrie, dove le ville ottocentesche sembrano giganti caduti in preda ad un sonno eterno scandito dallo scorrerre perpetuo delle sue acque. Luoghi lontani, solo all’apparenza, dalla Milano operosa, frenetica, moderna e in continua espensione. Angoli di un passato che vivono, e sopravvivono, nell’era moderna, che donano in chi li osserva un sapore romantico e nostalgico. Un piccolo viaggio all’interno di questa atmosfera incantata della provincia di Milano, che attraversa i comunu di Nosate, Turbigo, Robecchetto con Induno, Castelletto di Cuggiono, Bernate Ticino, Boffalora sopra Ticino, Cassinetta di Lugagnano, Abbiategrasso, Gaggiano, Trezzano sul Naviglio, Corsico, arrivando all’antico approdo della Darsena riqualificata in occasione dell’Esposizione Universale di Milano del 2015.

 

NG04

La centrale idroelettrica di Turbigo (MI)

 

Turbigo (MI): i resti dell’antica dogana austriaca del XVIII secolo e il ponte coevo a tre arcate in mattoni a vista

 

Gaggiano (Mi): scorcio verso Sud-Ovest